Centro Sociale e Culturale Anziani Alessandro Volta

 
 

Storia

Nel 1985, per iniziativa della Provincia di Terni, in collaborazione con la USL di Terni, il Comune di Terni, le Organizzazioni Sindacali dei Pensionati e l'università della Terza Età, è nato il Centro Sociale e Culturale per Anziani di Via Volta, n. 1.

In Via Volta, oltre alla sede del Centro, arricchita in seguito da una biblioteca, ha trovato in un primo momento ubicazione anche l'ufficio per l'università della Terza Età, poi trasferito in altra sede.

Già dal primo anno la sede ha ospitato conferenze indette da altre Associazioni di volontariato, al fine di allargare i suoi orizzonti culturali e garantire da subito ai suoi soci l'opportunità di relazionarsi con persone nuove e diverse.

In data 11 novembre 1991 il Centro Volta ha presentato domanda di iscrizione all'Albo regionale delle Associazioni di Volontariato ai sensi della L.R. 23 gennaio 1987, n. 9 ed è stato iscritto all'Albo grazie al parere favorevole espresso dal Comune di Terni (nota protocollo n. 8314 del 27 febbraio 1992) e grazie alla deliberazione della Giunta regionale n. 4257 del 9 giugno 1992 perchè ritenuto in possesso di tutti i requisiti previsti dai commi 2 e 3 dell'art. 3 della L.R. n. 9/87 al n. progressivo 47 per lo svolgimento delle sottoelencate attività di volontariato, concernenti le lettere a) e b) di cui all'art. 2 della L.R. n. 9/1987:

  • attività culturali e di studio, ricerche e iniziative socio-ricreative.

Ai sensi della L.R. del 25 maggio 1994, n. 15, il "Centro Sociale e Culturale per anziani" con sede in Terni, via Alessandro Volta, 1, è iscritto con D.P.G.R. 27 febbraio 1995, n. 162 nel Settore Attività Sociali al n. 47 del Registro regionale delle organizzazioni di volontariato.

Fino al 1988 le sempre crescenti attività del centro, erano aperte a tutti gli anziani senza obbligo di adesione mentre dall'anno successivo l'adesione avviene per mezzo di una tessera e previo pagamento di una quota sociale.

Nel 1989 si è svolta l'Assemblea Generale dei soci per l'approvazione dello Statuto e delle cariche sociali.

Il 12 Settembre 1989 infatti, i sotto elencati cittadini si sono riuniti per dar vita al Centro:

Adoni, Benito, Armati Amando, Bravini Egidio, Bellesia Bianca, Ciruolo Tonia, Campili Giovanni, Di Benedetto Emanuele, Flori Gino, Ferraro Carmelo, Gammaitoni Maria Luisa, Gabrielli Mario, Martini Alfio, Mangia Fiorenzo, Monari Anita, Miselli Silvio, Morganti Adriano, Petrini Alberto, pallucco Antimo, Zara Guido, Caffarelli Anita.
I presenti hanno eletto come Presidente della riunione Gino Flori che a sua volta ha nominato Carmelo Ferraro come Segretario; lo Statuto è stato votato all'unanimità come anche i componenti del Consiglio Direttivo e quelli del Collegio Sindacale.

A proposito dei soci fondatori del Centro "Volta" è doveroso rendere omaggio a coloro che nel frattempo sono scomparsi, Gino Flori, Fiorenzo Mangia, Adriano Morganti, Guido Zara, ringraziare, per il contibuto alla nascita e allo sviluppo del Centro, coloro che oggi non sono più direttamente impegnati nella gestione dello stesso, Egidio Bravini, Bianca Bellesia, Maria Luisa Gammaitoni, Silvio Miselli, Alberto Petrini e Antimo Pallucco.

Verso tutte queste persone è rivolta la gratitudine e la riconoscenza dei dirigenti e dei soci del Centro Volta.
Il Centro Sociale, pur mantenendo autonomia di gestione e di scelte operative, ha un rapporto costante con le Istituzioni Comunali, Provinciali e Regionali e le OO.SS. degli anziani.
Rapporto privilegiato era e rimane quello con la Provincia di Terni, ente promotore della costituzione del Centro.

Il Centro ha mantenuto le sue promesse, ponendo il benessere dell'anziano come fine ultimo delle sue innumerevoli attività e coinvolgendo quale protagonista al suo interno. Obbedendo a quella politica della trasparenza che ne contraddistingue lo spirito, attraverso le riunioni periodiche dei soci, questi ultimi vengono informati sulle attività svolte e sui progetti in cantiere, che hanno il preciso scopo di arginare la solitudine e l'emarginazione.

Il Centro vede crescere sempre di più il numero dei suoi iscritti (il successo dell'iniziativa si può riscontrare grazie ai dati di adesione dei soci che nell'85 erano circa 200, per giungere all'89 con 421, al '90 con 730, al '91 con 900, al '97 con 2732, al '98 con 2814 e nel '99, se pur con leggera flessione, gli iscritti si aggirano intorno alle 2800 persone) perchè, nella realtà ternana è una delle poche risposte valide al "problema anziani".

Entrando nel Centro di via Volta ci si sente da subito parte di un tutto che circonda ed ama il nuovo accolto, si respira quel calore umano che difficilmente si trova fuori. La coesione di queste persone è sicuramente la miglior cura ai mali morali di questa dura società in cui viviamo, che spesso si accanisce contro i più deboli, contro coloro che non riescono a stare al passo con i ritmi frenetici della vita, contro coloro che credono ancora nelle relazioni interpersonali.

Il Centro "Volta", grazie alle sue molteplici proposte ed attività in ambito sociale, nonchè grazie all'elevato numero di anziani che coinvolge, è stato la scintilla per creare nuovi Centri Sociali e Culturali per Anziani nella città di Terni e in tutta la regione, come ad esempio è da citare il contributo del Centro per la creazione dell'Associazione Regionale Centri Sociali Anziani dell'Umbria.

Il Centro "Volta" ha aderito inoltre all'Associazione dei Centri Sociali e Culturali, Comitati Anziani e Orti e in questa veste è tenuto ad assumere oneri ed onori della medesima.

Dal 1995, l'attività turistica, ricreativa, sociale e culturale è cresciuta sia quantitativamente che qualitativamente in misura notevole. Nello stesso periodo il Centro si è sviluppato a tutti i livelli, sia nazionale che provinciale, nonché comunale. Gran parte del merito per questo fiorente sviluppo del Centro va alle nuove energie apportate dalla Presidenza dell'Onorevole Mario Andrea Bartolini, eletto Presidente dopo la scomparsa del compianto Presidente Gino Flori, nel 1992.

Inoltre, il 12 settembre 1996 alla Riunione del Consiglio Generale dell'Associazione Nazionale, svoltosi a Bologna l'Onorevole Mario Andrea Bartolini è stato eletto con voto unanime quale Presidente dell'Associazione Nazionale dei centri Sociali, Comitati Anziani e Orti.

L'elezione dell'Onorevole rappresenta il riconoscimento del suo valore e del suo forte impegno nella causa a favore degli anziani.

Il Centro Sociale e Culturale per Anziani di via Volta ha accolto con grande emozione l'elezione dell'Onorevole Bartolini a Presidente nazionale, in quanto considera la sua elezione un successo della propria azione nei confronti degli anziani e del contributo che il Centro "Volta" ha fornito e fornisce all'Associazione dei Centri Sociali, Comitato Anziani e Orti su scala regionale e nazionale.